anziani e giovani

ROTTAMARE GLI ANZIANI

ANZIANI DA ROTTAMARE

L’età media in Italia è diventata più alta, molte persone raggiungono età piuttosto avanzate, abbiamo anziani addirittura centenari. Dobbiamo rammaricarci per questo? Penso proprio di no. Però ci sono problemi per le pensioni, se le persone vivono più a lungo e se i giovani che lavorano e che pagano i contributi per le pensioni degli anziani, non aumentano. Il rovescio della medaglia è che se non ci fossero gli anziani pensionati, che aiutano figli e nipoti disoccupati, questi giovani avrebbero dei seri problemi. Gli anziani contribuiscono e spesso sono essi stessi il welfare per molti giovani. Ricordiamo l’apologo di Menenio Agrippa?

Non abbiamo proprio niente da imparare? I giovani dovrebbero essere meno presuntuosi, almeno “certi giovani” arrivati troppo in alto, forse troppo in fretta e in modo discutibile. Mi accorgo di fare riferimento, per esempio al nostro presidente del Consiglio. Mi piacerebbe che fosse un po’ più umile quando parla dei suoi successi, mi piacerebbe che fosse più rispettoso quando parla di chi lo critica e mi piacerebbe che ascoltasse un po’ di più proprio chi non la pensa come lui. Non parla come un uomo delle istituzioni, un uomo che dovrebbe avere un comportamento più formale, sotto certi aspetti e un linguaggio più idoneo alla sua carica. Ma credo che a molte persone piaccia proprio per questo. Infatti sento molti commenti del tipo “almeno è giovane”. Bella prodezza! È un suo merito, essere nato più tardi? Quel suo rivolgersi a coloro che non condividono i suoi progetti come a dei “gufi”, è davvero poco elegante e denuncia la sua età, anzi lo fa apparire ancora più giovane. Un adulto serio non parlerebbe così. Quante volte ha pronunciato la parola rottamare, nei suoi discorsi elettorali? Ma in fondo non ha rottamato quanto sembrava voler fare, soprattutto al di fuori del suo partito, ma non credo che volesse questo, forse non ci è riuscito.

Se qualcuno legge queste pagine, per favore, esprima il suo parere, anche senza dire qual è la sua età, perché non dovrebbe dipendere dall’età essere a favore della rottamazione o a sfavore.

Vale la pena di leggere questo articolo di Umberto Galimberti

Quando essere vecchi significava saggezza : Umberto Galimberti – Il sito ufficiale

Sito ufficiale di Umberto Galimberti. Scopri i suoi testi, eventi e presentazioni. Estratti dai testi di Filosofia editi da Feltrinelli Editore

Sorgente: Quando essere vecchi significava saggezza : Umberto Galimberti – Il sito ufficiale

Sarebbe interessante sentire diversi punti di vista.

torna su

Tu che ne pensi? Scrivi un commento